Verona Città Conforme

"Da tempo, come Arcigay, andiamo ripetendo che occorre che la politica si assuma la responsabilità delle sue azioni sciogliendo i gruppi neofascisti e neonazisti presenti in Italia".Questo il commento del presidente nazionale Arcigay Aurelio Mancuso dopo gli sconcertanti fatti di Verona che han visto ridurre in fin di vita un ragazzo considerato dagli aggressori "non conforme".
"Sarà pur vero quello che è stato detto sui ragazzi veronesi protagonisti della aggressione, ovvero che non fanno parte di gruppi organizzati dei partiti di destra, – ha proseguito Mancuso – ma non ci si nasconda dietro un dito e si insulti l'intelligenza umana. Questi gruppi non saranno organici con Forza Nuova o con Veneto Fronte Skinheads ma si muovono in quei meandri e si nutrono delle medesime parole d'ordine. Il confine fra frange autonome ed organizzate, per quanto riguarda i seguaci di ideologie neofasciste o neonaziste, è inesistente. Pestare un ragazzo per non aver offerto una sigaretta e perché considerato non conforme con gli altri, insomma diverso nel senso lato del termine, è un fatto inquietante che produce insicurezza e rimanda per ovvie ragioni alla concezione di normalità che voleva Hitler per la sua razza ariana.
Noi omosessuali ci sentiamo colpiti, sia dalla brutalità e assurdità dell'episodio e sia perché sarebbe potuto accadere ad uno di noi.
Ricordo che l'anno scorso abbiamo presentato come Arcigay, sia al ministero degli Interni e sia alla Commissione Giustiziia della Camera, un nutrito dossier sulle aggressioni, violenze, atti vandalici e minacce ai danni di persone e sedi lgbt perpetrati in tutta Italia da gruppi e singoli che fanno riferimento al neo nazifascismo italiano ".
"È per questo troppo tiepida la dichiarazione del sindaco Tosi – ha concluso Mancuso - che tende a minimizzare i fatti perché da come l'impressione che alcune istituzioni si vogliano nascondere dietro a facili consociativismi con certe frange di elettorato, forse troppo sornionamente adulate e coltivate".
"Questi personaggi imperversano a Verona da tempo, cosa che emerse già all'indomani dell'elezione di Tosi a sindaco della città scaligera, quando il procuratore Papalia dispose la perquisizione nelle case di questi giovani dove furono trovati materiali e simboli nazisti usati per organizzare ronde fra il balordo e l'ideologizzato - ha affermato Zeno Menegazzi presidente del comitato Arcigay Verona Pianeta Urano - L'ossessione ideologica del Sindaco su ordine e decoro è la stessa di cui si nutrono questi personaggi provenienti dalla galassia di estrema destra di cui lui è consapevole ed esplicito referente politico: è l'idea di una "città conforme" dove tutte le irregolarità sociali e culturali devono essere eliminate per far posto ad una supposta ordinata veronesità patinata.
Quando Tosi parla di banale bullismo giovanile sa benissimo di mentire e questo è gravissimo per un primo cittadino che ha la responsabilità di rappresentare tutti. Questa volta gli aggressori sono veronesi doc, di famiglia bene e appartengono all'area politica di cui Tosi è da sempre referente assieme a Forza Nuova e ad altri: ci aspettiamo una risposta degna di un primo cittadino responsabile"
"Città scaligera città di classe": questo è uno dei convincimenti ideologici che fanno da sfondo delll'aggressione da parte di giovani della cosidetta Verona bene. Il valore di Verona vetrina è lo stesso concetto sostenuto anche dal sindaco. Noi contrastiamo - conclude Menegazzi - la visione del Sindaco che volutamente minimizza parlando di bullismo giovanile, perché la verità è che qualcosa di preoccupante sta avvenendo in alcuni strati della popolazione giovanile veronese".
"Chi ricopre una carica pubblica istituzionale come Tosi o Gentilini – ha rincarato la dose Alessandro Zan presidente Arcigay Veneto - dovrebbe cercare di misurare le parole. Ogni dichiarazione pubblica, se contiene delle dichiarazioni razziste, omofobe o violente, ha una cassa di risonanza che può avere effetti devastanti perché viene interiorizzata da persone che possono agire sentendosi legittimate da chi ricopre incarichi istituzionali. Ecco perché, per frenare questa ondata pericolosa e preoccupante dei gruppi neonazisti a Verona e in Veneto, gente come Tosi dovrebbe intervenire con delle dichiarazione di chiara condanna verso questi gruppi per evitare di esserne in parte complice".

Questo comunicato lo trovate anche sui blog:
http://arcigayverona.blogspot.com
http://www.arcigayverona.org

Nessun commento:

La sede di Arcigay Pianeta Urano (VR) e Arcilesbica (VR) si trova in presso il MILK VERONA LGBT COMMUNITY CENTER in Via A. Nichesola, 9 - Verona( San Michele ) - INFO: 346.9790553 (Arcigay) 349.3134852 (Arcilesbica) info@arcigayverona.org OPP. verona@arcilesbica.it per avere informazioni iscriviti alla MAILINGLIST oppure scrivi alla mail: stopomofobia@arcigayverona.org